Ano Hana di Mari Okada e Tatsuyuki Nagai

Celeste è questa
corrispondenza d'amorosi sensi,
celeste dote è negli umani

Foscolo, Dei Sepolcri

Un gruppo di ragazzi si ritrova a elaborare la perdita della loro amica Menma, morta alcuni anni prima.

ano hana jintan

Ano Hana (Quel Fiore) è un anime del 2011, scritto da Mari Okada, diretto da Tatsuyuki Nagai e prodotto dallo studio A-1 Pictures. Il nome completo della serie è Ano hi mita hana no namae o bokutachi wa mada shiranai. (Ancora non conosciamo il nome del fiore che abbiamo visto quel giorno).

Jintan (Jinta Yadomi) è un ragazzo che da tre mesi non va a scuola e vive quasi sempre dentro casa, come un recluso: è diventato un hikikomori. Durante le vacanze estive gli appare lo spirito di Menma, una bambina sua amica, morta da anni, della quale era innamorato, che comincia a vivere a casa sua. Menma (Meiko Honma) è cresciuta nell'aspetto, ma nel carattere è rimasta la bambina ingenua che era prima di morire. A Jintan chiede di esaudire un suo desiderio, e di coinvolgere i loro amici d'infanzia.

Ma i rapporti con i vecchi compagni si sono raffreddati: una volta formavano il gruppo dei Super Peace Busters, ma crescendo si sono allontanati. Anaru (Naruko Anjo), da sempre innamorata di Jintan, va a trovarlo per portargli i compiti, preoccupandosi per lui. Nel tempo libero, oltre a uscire con le amiche, lavora come commessa in un negozio di dvd e videogiochi. E' sempre stata gelosa di Menma e non accetterà facilmente la presenza incorporea della vecchia amica. Tsuruko (Chiriko Tsurumi) è altezzosa e riservata, la classica ragazza che se la tira troppo; era gelosa di Menma, proprio come Anaru. Yukiatsu (Atsumu Matsuyuki) è un ragazzo che punta molto sull'istruzione, è di stato sociale più elevato di Jintan, ma lo invidia perché il suo amico è sempre riuscito a essere il vero capo e trascinatore del loro gruppo. Poppo (Tetsudo Hisakawa) è il ragazzo più energetico e intraprendente della compagnia, ama i viaggi all'estero e le belle ragazze.

ano hana anaru

Ricostruire le vecchie amicizie non è facile. I ragazzi si danno da fare per esaudire il desiderio di Menma, svolgendo dei lavoretti, ma le tensioni sopite dalla lontananza si riaccendono ed esplodono. I cinque dovranno affrontare gelosie e invidie; mettere da parte l'orgoglio; fare i conti con l'ingombrante presenza di Menma che solo Jintan riesce a vedere; accettare che certi eventi accadono e non sono colpa di nessuno. Nel profondo, ognuno di loro è rimasto fermo al giorno in cui la loro amica è morta: un trauma che solo insieme riusciranno a superare.

Serie come questa, che raccontano la vita quotidiana dei protagonisti, possono avere il difetto della noia, con puntate inutili che si trascinano senza dire nulla. Ano Hana evita il rischio, grazie alla bravura di Mari Okada. Ognuno degli undici episodi racconta avvenimenti significativi, fornendo un indizio alla volta per risolvere il mistero di Menma, come se fosse un giallo. L'anime ha il pregio di affrontare con profondità temi come la morte e la perdita di una persona cara, dal punto di vista di ragazzi nel pieno dell'adolescenza.

La serie si fa notare anche per la commistione tra tecnologia e soprannaturale. I ragazzi comunicano con i telefonini, giocano al computer, ma tornano a riunirsi, di notte, in una casa di legno nel bosco, dove lo spirito di Menma si manifesta, non senza provocare angoscia e desiderio nei presenti. Il resto dell'ambientazione è quello di una città di medie dimensioni, con strade principali e zone più tranquille; gli immancabili treni per andare a scuola, che prendono Tsuruko e Yukiatsu; un ponte che esiste davvero e che si trova nella città di Chichibu.

ano hana menma

Da ascoltare anche le canzoni di inizio e fine. La prima è Aoi Shiori, cantata dai Galileo Galilei; la seconda è Secret Base ~Kimi ga kureta mono~ (10 years after Ver.), cantata da Ai Kayano, Haruka Tomatsu e Saori Hayami, le voci originali delle tre protagoniste.

La popolarità di Ano Hana ha portato alla produzione di un film, uscito il 31 agosto 2013, di cui vi consiglio la visione. E' un ritrovare personaggi familiari, cresciuti di un anno, che ricordano l'estate precedente, incontrandosi nella casa nel bosco, per celebrare l'addio a Menma. Da ascoltare la canzone finale, Circle Game, dei Galileo Galilei.

Ano Hana vi commuoverà. Preparate i fazzoletti.

Ora! Tutti insieme! Tana per Menma!!!