The Thanos Quest di Jim Starlin e Ron Lim

La storia di come Thanos ha trovato le Gemme dell'Infinito.

The Thanos Quest è una miniserie a fumetti della Marvel Comics in due numeri, pubblicata da settembre a ottobre del 1990, scritta da Jim Starlin e disegnata da Ron Lim, inchiostrata da John Beatty e colorata da Tom Vincent. La serie fa da prologo alla trilogia costituita da Il Guanto dell'Infinito (1991), La Guerra dell'Infinito (1992) e La Crociata dell'Infinito (1993).

#1 - Piani e Sogni (Schemes and Dreams)

Dopo essere stato resuscitato dalla Morte, in Silver Surfer #34, Thanos guarda nel Pozzo dell'Infinito, per comprendere come adempiere al meglio la sua missione: riportare l'equilibrio nell'universo, uccidendone la popolazione in eccesso.

the thanos quest

Il pozzo gli mostra le Gemme dell'Infinito, in possesso di alcuni tra gli esseri più potenti del cosmo. Thanos parte per la sua missione, avendo in mente anche un fine recondito, celato alla stessa Lady Morte.

Thanos, dopo aver attraversato zone al di là di ogni logica spaziale e temporale, giunge al Nesso della Realtà, dove si trova l'Intermediario (In-Betweener), confinato dai suoi creatori, Mastro Ordine e Lord Caos. L'essere stringe un patto con il Titano che riesce a liberarlo, ma l'accordo gli si ritorce contro, perché Thanos lo priva della Gemma dell'Anima, abbandonandolo al suo destino.

Sul pianeta Tamarata, da sempre teatro di guerra tra fazioni e imperi spaziali, combatte il Campione, uno degli Antichi dell'Universo (Elders of the Universe), esseri immortali in possesso delle restanti pietre. Thanos si limita a provocarlo poiché più forte di lui, ma sciocco e impulsivo, per costringerlo a distruggere il pianeta e a farsi consegnare la Gemma del Potere in modo spontaneo.

Il Matto Titano arriva dal Giardiniere, che ha coltivato il più bello di tutti i giardini e che non può rinunciare per nulla al mondo alla Gemma del Tempo. Thanos utilizza la Gemma del Potere per prevalere, rivoltandogli contro le piante del suo giardino.

Thanos si è già impadronito di tre pietre: ha utilizzato poco la sua forza, accresciuta dopo che Lady Morte lo ha resuscitato, e molto la sua intelligenza, conscio del pieno potere delle gemme, a differenza dei precedenti possessori.

#2 - Giochi e Premi (Games and Prizes)

Thanos si ritrova in mezzo allo spazio per affrontare il Corridore, che utilizza la Gemma dello Spazio per essere più veloce della luce. Ma il Titano lo fa avvicinare a sé e lo invecchia di un milione d'anni con la Gemma del Tempo, per poi farlo regredire a infante. In quello stato viene donato al Collezionista, che non desidera lo scontro, ma solo aggiungere un esemplare unico alla sua raccolta di creature. In cambio dona a Thanos la Gemma della Realtà.

the thanos quest

Ne manca soltanto una, quella in possesso del Granmaestro, che lo sta aspettando e ha già calcolato ogni sua mossa. E' un avversario da non sottovalutare, nonostante il Titano possegga cinque gemme. Se tentasse di ucciderlo, la sua pietra verrebbe spedita in un angolo sconosciuto dell'universo: Thanos è costretto a stare al suo gioco e alle sue regole.

Il Granmaestro lo sfida nella realtà virtuale, in un ambiente simulato dove chi perde muore davvero. Il gioco è sofisticato e il vecchio passa subito all'attacco, in uno spazio che gli è congeniale. Thanos, pur esperto di astuzie e battaglie, viene sopraffatto e immobilizzato. Le gemme sono perdute.

Ma è un trucco. Chi voleva ingannare è stato ingannato: quello che il Granmaestro ha appena distrutto è un robot, mentre il vero Titano s'impadronisce della Gemma della Mente, distruggendo l'apparato di simulazione e lasciando l'avversario prigioniero del suo piano.

Thanos ha trionfato: le Gemme dell'Infinito sono nelle sue mani. Ma non ha fatto i conti con le conseguenze della sua impresa. Il suo vero fine era diventare un'essere onnipotente, come la Morte, che da sempre ama. Con i poteri ottenuti è divenuto un dio, non più pari, ma al di sopra di Lady Morte, che lo rifiuta. La vittoria si tramuta in sconfitta.

L'ironia di questa seconda parte è amara. Il Collezionista, infatti, riceverà una grossa delusione dal suo nuovo esemplare, mentre il Granmaestro imparerà che non tutto può essere calcolato. Ma è Thanos che impara la lezione più dura: l'amore non è possesso e neppure tutto il potere dell'universo può ottenerlo.

Le storie di Jim Starlin allargano l'immaginazione a spazi siderali lontanissimi e vuoti, dove abitano esseri il cui solo nome incute timore e rispetto. Ma il racconto è dissacrante verso il potere: gli Antichi dell'Universo si rivelano poco saggi, a dispetto del nome. Nessuno è consapevole del vero potere della gemma che custodisce, perché l'immortalità e la presunta onnipotenza li hanno resi succubi di debolezze fin troppo umane: bellezza, velocità, possesso, dominio, potere. E' per questo che Thanos riesce a prevalere e a sconfiggerli.

Ma è il Titano che riceve la sconfitta più grande. E' dalla solitudine di un essere dagli immensi poteri che sono nate le Gemme dell'Infinito, come viene narrato. E' per desiderio di essere amato che Thanos le raduna, ma il suo metro di giudizio è solo il potere e la sua impresa gli si ritorce contro, lasciandolo, come in un beffardo contrappasso, solo come prima. E' solo l'inizio per il Matto Titano, che lo vedrà attraversare una prima e una seconda Trilogia dell'Infinito, al termine del quale sarà del tutto trasformato.

The Thanos Quest funziona bene anche come storia singola, la cui narrazione è esaltata dalle tavole da urlo di Ron Lim, tra cui la fantasmagorica sequenza della prova delle gemme da parte di Thanos, e dai colori di Tom Vincent, che donano un'atmosfera da fantascienza retrò agli ambienti spaziali. La Panini ha pubblicato un omnibus di The Thanos Quest, che contiene anche i numeri di Silver Surfer #34 - #40 e #44 - #50.

Chi avrebbe mai immaginato che diventare Dio si sarebbe rivelato una vittoria vuota?

MARVEL